17.settembre.2014

Conoscere e Curare l’Obesità
O. Bosello, M. Cuzzolaro

Conoscere e Curare l’Obesità

Il fenomeno soprappeso-obesità è in rapida ed enorme espansione in tutto il mondo. Nelle società più ricche, l’eccesso di peso è maggiore negli stati socio-economici più bassi e nelle fasce più avanzate, almeno sino ai 70 anni. Il fenomeno obesità sta diventando un problema sanitario importante anche nei paesi in via di sviluppo: è il caso delle repubbliche ex URSS, nelle quali la prevalenza di sovrappeso (BMI Body Mass Index>25) e di obesità (BMI>30) è oramai di tipo epidemico. L’obesità è una condizione definita su base anatomica o morfologica come eccesso ponderale per eccesso di massa grassa. Vi sono condizioni morbose nelle quali lo stato di malattia è caratterizzato dalla deviazione di variabili biologiche da valori cosiddetti normali. Per queste, la diagnosi poggia su criteri del tutto convenzionali, utilizzando cut-off che derivano da ampi studi epidemiologici e clinici, dai quali sono emersi valori limite cui corrisponde la normalità clinica e al di là dei quali si configura la malattia (diabete, ipertensione arteriosa). Così anche per l’obesità, definita come tale quando il peso corporeo devia dalla normalità e raggiunge valori che possono essere dannosi per lo stato di salute. Se l’inquadramento clinico del paziente costituisce il primo atto metodologico dal quale deriva il razionale per ogni intervento terapeutico, esso deve poter contare su punti di riferimento con i quali confrontarsi. Di conseguenza, se nella diagnostica dell’eccesso ponderale viene adottato il criterio BMI è opportuno conoscere quali sono i valori normativi di riferimento. Inoltre vi sono tre fattori di rischio da considerare oltre il peso corporeo in sé: le variazioni di peso, l’età dell’insorgenza del sovrappeso e la distribuzione del grasso. Aumenti di peso maggiori di 5 kg dopo i 18 anni, una storia di sovrappeso in adolescenza, un’obesità di tipo viscerale aumentano mortalità, morbilità e disabilità associate all’eccesso di peso. Purtroppo dopo il fumo, l’obesità rappresenta probabilmente il secondo grande fattore di rischio per la salute nell’era moderna. L’alcol è il terzo imputato. L’esplosione epidemica dell’obesità rende sempre più importante il problema anche dal punto di vista dei suoi costi socio-economici, finora peraltro poco studiati. Tali costi si distinguono in:
· Diretti, legati alla gestione di stati morbosi obesità-correlati (diabete di tipo 2, patologia coronaria, ipertensione arteriosa, colelitiasi, ictus, sleep apnea, tumori del colon e della mammella, complicanze ostetriche, sindromi osteoartritiche).
· Indiretti, dovuti alla minore produttività per giornate di lavoro perdute o per ridotta aspettativa di vita
· Non definibili, dovute alle ricadute negative sulla qualità della vita
Vista la vastità del problema, questo libro si ripropone di portare all’attenzione del lettore le cause che stanno alla base del fenomeno “obesità” e le conseguenze sia fisiologiche che psico-sociali che ne derivano, per giungere all’aspetto clinico della diagnosi e della terapia (farmacologia e non) di questa dilagante patologia.

 

username:
password:
hai smarrito la password
mi voglio registrare gratuitamente
Conoscere e Curare l’Obesità
O. Bosello, M. Cuzzolaro
Pagine: 160
Formato: cm 12 x 17
ISBN: 978-88-85030-82-3
Cod. Ordine: V036
Euro: 14,46
anno di pubblicazione: 2004
» L'Opera
» Indice generale
» Acquista